Handjobs Indimenticabili: Tutti I Segreti Per Regalare Il Massimo Piacere Ad Un Uomo

Scopri come usare le mani nel modo giusto per farlo godere!

Handjobs Indimenticabili Tutti I Segreti
INDICE

Praticata sin dalla giovanissima età (dai 10-11 anni circa in su), la masturbazione maschile effettuata con la mano consente all’uomo di raggiungere facilmente l’orgasmo nella sua intimità, assecondando quelli che sono i suoi desideri e i suoi tempi. Tutti gli uomini si concedono la cosiddetta sega (sì, anche il tuo), e sebbene numerosi studi cerchino invano di “dare i numeri” precisi di quante volte un uomo dovrebbe masturbarsi per rimanere in buona salute, (21 volte al mese, secondo questa ricerca pubblicata dall’European Urology nel 2016), in realtà il numero di eiaculazioni giusto è quello che farà sentire l’uomo pienamente soddisfatto.

I maschietti tendono a trastullarsi da soli anche quando sono in coppia, semplicemente per rispondere ad un normale bisogno fisiologico. Ma non ti preoccupare; questa consuetudine non toglierà nulla al vostro rapporto, anzi, in certi casi lo migliorerà. Infatti, una masturbazione effettuata con regolarità aiuta l’uomo a durare di più durante l’amplesso.

Secondo una recente statistica realizzata in Italia su quelle che sono le pratiche sessuali più diffuse tra gli individui di età compresa tra i 18 e i 40 anni a piazzarsi al secondo posto c’è proprio la masturbazione reciproca. Questo modo di approcciare il sesso consente alla coppia di capire meglio quelle che sono le necessità e i desideri del/della partner, nonché di esplorare livelli più profondi dell’intimità a due.

Desideri “dare una mano” al tuo compagno? La rete pullula di “handy guide” per fare un handjob perfetto, tuttavia masturbare un uomo con le proprie mani non è facile come sembra. Fortunatamente, attraverso tanta pratica e i consigli giusti, potrai imparare a far godere il tuo partner usando le mani sino a fargli raggiungere orgasmi indimenticabili! Scopri le tecniche più efficaci e i segreti infallibili.

Prepara l’occorrente

Per eseguire un massaggio fatto bene è necessario utilizzare degli oli specifici (scopri i migliori qui), così da minimizzare l’attrito tra mani e pelle e rendere la manovra più facile per chi la esegue, e più piacevole per chi la riceve. Anche l’handjob è un massaggio, e come tale prevede l’utilizzo di un lubrificante adatto. Questo dovrà essere acquistato con un’attenzione particolare ai suoi componenti. Infatti, se oltre a masturbare con la mano il tuo partner desideri anche praticare del sesso orale allora sarà bene acquistare un lubrificante commestibile (cioccolato, vaniglia, fragola o frutti esotici? Trova qui quello che ti piace di più).

Handjob: cosa non fare

Stai per maneggiare una delle parti del corpo più delicate del tuo uomo. Ciò significa che, quando inizi la masturbazione del pene con le mani, dovrai prestare particolare attenzione a:

  1. Non graffiarlo con unghie o anelli: nella foga del momento può succedere, ma sappi che è tutt’altro che piacevole. Soprattutto se porti le unghie lunghe fai attenzione a come muovi la mano su e giù!
  2. Non stringerlo troppo forte: anche se la cosiddetta sega in inglese viene descritta con la cruenta espressione “strozza il pollo” (choke the chicken), ciò non significa che dovrai esercitare con la tua mano una forza eccessiva. Se sei alle prime armi, la cosa migliore da fare è farti guidare dal tuo partner.
  3. Non dimenticarti dei testicoli: soprattutto durante la prima fase della masturbazione, la stimolazione dei testicoli – sempre effettuata con estrema delicatezza – aumenta il livello di eccitazione dell’uomo preparando il terreno per un erezione poderosa. I preliminari sono importanti anche per gli uomini, perciò non sottovalutarli!
  4. Non mostrarti disinteressata: il tuo livello di interesse sarà essenziale per la riuscita di un perfetto handjob. Se eseguita con superficialità e svogliatezza, la masturbazione del pene probabilmente andrà comunque a buon fine (con il raggiungimento dell’orgasmo da parte di lui), ma l’intensità delle emozioni non sarà certamente memorabile. Ricorda che il tuo interesse nel raggiungimento del suo piacere renderà il tutto molto più eccitante. Quindi, mentre esegui la masturbazione del pene con la mano evita di guardare il soffitto ma cerca invece di mantenere il contatto visivo con il tuo partner e di mostrare un certo coinvolgimento emotivo. Vuoi trasformarti nella sua fantasia sessuale in carne e ossa? Se apprezza il dirty talking non dimenticare di sussurrargli frasi porcelline che faranno inevitabilmente alzare la temperatura.
  5. Non sottovalutare il potere dei sex toys: la tua tecnica non è eccellente? Senti di non riuscire ad effettuare l’handjob come piace a lui? Non gettare la spugna e introduci nella vostra routine un sex toy per uomo. Secondo alcuni studi attraverso l’utilizzo di sex toys, come per esempio i Cock Ring, l’uomo può raggiungere orgasmi multipli, evento generalmente considerato piuttosto raro tra i maschietti.

Vuoi spingerti un po’ oltre? Mentre accarezzi i testicoli potrai facilmente raggiungere il perineo. La zona perianale del tuo uomo è particolarmente sensibile poiché vicina alla prostata. Per stimolarla nel modo giusto esercita una leggera pressione effettuando dei movimenti circolari per poi concentrarti nuovamente su testicoli, asta del pene e glande. La stimolazione anale non vi spaventa affatto? Sempre utilizzando il lubrificante potrai stimolare l’ano del tuo lui. Se su questo tipo di masturbazione siete abbastanza in sintonia allora sappi che, esercitando il massaggio prostatico (con il dito o con l’aiuto di un sex toy appositamente studiato per stimolare la prostata) concederai al tuo partner un orgasmo ancora più potente!

Handjob: le tecniche più apprezzate da lui

Al bando la monotonia, in modo particolare quando si desidera dare piacere alla persona che si ama di più. E allora non dimenticare di portare un po’ di fantasia anche quando ti accingi a masturbare il tuo lui con le mani. Il pene può essere toccato in tanti modi diversi. Sei pronta ad esplorarli tutti? Inizia avvicinando la punta di pollice e indice in modo da creare un anello con cui circondare il pene, per poi massaggiarlo andando semplicemente su e giù.

Una volta che l’erezione incomincia a diventare più robusta potrai usare la mano intera, per poi utilizzare entrambe le mani. Il massaggio – inizialmente molto lento – potrà passare a un ritmo più rapido. Non dimenticare di osservare attentamente quelle che saranno le reazioni del tuo lui ad ogni tuo movimento e insisti con quello che sembra piacergli di più.

Vuoi farlo impazzire? Prova l’edging: proprio quando senti che lui sta per venire, rallenta il ritmo anziché aumentarlo. L’orgasmo, così rimandato, una volta raggiunto sarà decisamente più intenso. Il segreto? Non esagerare! L’orgasmo non può essere rimandato in eterno. Inoltre, evita questa tecnica se il tuo partner ha problemi a mantenere l’erezione.

Scegli la posizione più adatta

Lui seduto a bordo del letto, tu sulle ginocchia davanti a lui. Oppure, entrambi sdraiati l’uno affianco all’altra con te che, messa di lato, allunghi il braccio verso il suo pene per fare un lavoretto di mano senza che lui debba muovere un solo dito. E ancora, lui in piedi con pantaloni alle ginocchia e tu seduta che ti godi lo spettacolo mentre lo masturbi con una o entrambe le mani. Insomma, a voi la scelta della posizione migliore, l’importante è che sia comoda per entrambi!

Scegli la tecnica giusta

1. La “cravatta”

Unisci la punta di pollice e indice e crea un cerchio che andrà a circondare il membro del tuo partner, proprio alla base del glande. In questo modo potrai stimolare il punto più sensibile del pene! Muovi prima delicatamente poi più rapidamente questa sorta di “cravattino” che avrai messo al collo del pene, effettuando un movimento rotatorio senza andare su e giù su tutta l’asta. Anche per la riuscita di questa tecnica è fondamentale una buona dose di lubrificante.

2. Il tunnel (con entrambe le mani)

Utilizzando un’abbondante dose di lubrificante, inizia a far scorrere entrambe le tue mani chiuse intorno al membro del tuo lui. Con il pene avvolto in questo modo, il tuo lui avrà la sensazione di averlo dentro la tua vagina. Non appena sentirai diminuire l’effetto del lubrificante aggiungine dell’altro; le mani dovranno scorrono perfettamente senza alcun attrito.

3. L’intramontabile sega classica

Gli uomini non ne avranno mai abbastanza; la sega con una mano sola è come la coperta di Linus, rassicurante e tranquillizzante. Se però ad eseguirla sarai tu allora la musica cambia! Concentra la stimolazione sul glande e accelera il movimento per poi scendere lungo l’asta solo ogni tanto. Quando senti il pene diventare estremamente turgido sotto la tua mano, avvolgi ben salda – senza stringere troppo – la punta del pene e inizia a eseguire una stimolazione sempre più intensa, cercando di mantenere il ritmo. Attenzione alla velocità: questa infatti è del tutto soggettiva. Per non sbagliare, meglio farsi guidare dal proprio partner.

4. Il sandwich

No, non si tratta di fare uno spuntino veloce tra un orgasmo e l’altro. Questa tecnica di masturbazione maschile consiste nel posizionare le mani in modo da avvolgere il pene tra i palmi per poi effettuare un movimento orizzontale, senza fare il classico su e giù.

Le alternative alla mano

Ci hai preso gusto e adesso non ti ferma più nessuno? Allora sappi che il divertimento non è finito! Oltre ad utilizzare la mano, potrai masturbare il tuo partner con altre parti del corpo, quali seni e piedi. La masturbazione del pene effettuata con i seni – chiamata anche “spagnola” – è una tra le fantasie erotiche preferite dagli uomini.

Anche in questo caso entrano in gioco lubrificante e, ovviamente, complicità. Il partner potrà spalmare il lubrificante tra i seni per poi avvicinare il pene. Con le tue mani andrai a stringere i seni intorno al pene. Per fare un perfetto titjob i movimenti dovranno essere coordinati da entrambi. Non ti preoccupare, per eseguire una spagnola perfetta non bisogna essere delle maggiorate. Questa tecnica dovrebbe essere evitata durante il periodo premestruale, poiché lo strizzamento dei seni può risultare doloroso o comunque poco piacevole.

E la masturbazione del pene con i piedi? Il footjob è una roba piuttosto raffinata, da veri esperti. Non solo per feticisti, la masturbazione del pene con i piedi consente all’uomo di avere una piena visuale della donna che, seduta davanti a lui, utilizza entrambi i piedi per farlo venire. Se l’eccitazione è alle stelle farlo arrivare all’orgasmo con i tuoi piedi non sarà difficile, mentre se vi sentite entrambi un po’ impacciati meglio scaldare l’atmosfera con qualcosa di più semplice.

Vuoi essere certa di fare un lavoretto coi fiocchi? Chiedi al maestro!

Ha iniziato da giovane e negli anni ha affinato la sua tecnica personale, fino a renderla impeccabile; stiamo parlando del tuo lui e delle sue capacità masturbatorie! Non sottovalutarle, chiedi invece come ama masturbarsi, con quanta intensità e con quale velocità preferisce stimolare il suo pene. Ogni uomo è un mondo a parte, questa guida al handjob perfetto ti offre una linea generale di come dovrai muoverti senza commettere errori grossolani, ma per fare davvero la felicità del tuo partner non dovrai fare altro che chiedergli apertamente cosa piace a lui.

Conclusione

“Lavori manuali in corso”? Stupisci il tuo lui mostrandogli di conoscere tutte le mosse e le tecniche indispensabili per eseguire un handjob indimenticabile! La manualità non è il tuo forte? Non è la fine del mondo! Fellatio, stimolazione anale e massaggio prostatico sono solo alcune delle tantissime alternative alla cosiddetta sega.

Se invece ti senti pronta a mettere in pratica il sesso tantrico potrai introdurre il tuo lui a quella ché è considerata dagli esperti una vera e propria tecnica che consente di raggiungere orgasmi così piacevole da essere paragonati all’estasi. Per iniziare metti in pratica tutti i nostri consigli su come praticare il Tantra Lingam. E per il tuo godimento? Non dimenticare di mostrare al tuo lui come eseguire il massaggio Tantra Yoni.