Lubrificanti, gel lubrificanti, creme lubrificanti: come funzionano, ci sono effetti collaterali e quali tipi sono adatti ai diversi utilizzi?

Lubrificante sì, lubrificante no? Se ti stai ponendo questa domanda, leggi questo articolo per chiarire ogni dubbio!

Lubrificanti, gel lubrificanti, creme lubrificanti

Sappiamo benissimo che quando si tratta di sesso esistono molti tabù che impediscono di godere appieno di tutte le possibili esperienze. Sappiamo però anche benissimo che ci sono anche tanti dubbi, e spesso è difficile trovare qualcuno con cui parlarne.
Per questo abbiamo elencato qui gli 11 migliori gel lubrificanti per te, per darti innanzitutto una panoramica su quello che puoi trovare sul mercato e per introdurti alle varie caratteristiche dei lubrificanti.
Una lista, per quanto accurata come quella che ti abbiamo fornito, non può però essere esaustiva, ed è per questo che ti abbiamo dedicato questo approfondimento speciale nel quale ci proponiamo di affrontare tutte le domande che potresti porti sull’argomento.

Perché usare il lubrificante?

Ecco, questa potrebbe essere la tua prima domanda.
Magari il tuo partner te l’ha proposto e non l’hai mai provato prima, o magari te ne ha parlato un’amica come di qualcosa di sfizioso da usare per la masturbazione e ti sei incuriosita anche tu.
Quindi, perché dovresti provarlo? Beh, chiariamo subito che non è un dovere, ma un piacere. Niente nel sesso deve essere imposto o dovuto, ma un lubrificante è un accessorio che può davvero fare la differenza nel sesso.
Vuoi un buon motivo? Te ne diamo 5!

  1. Il lubrificante facilita la penetrazione
  2. Il lubrificante può essere commestibile per il sesso orale
  3. Il lubrificante può essere usato come massaggio erotico
  4. Il lubrificante aumenta l’intimità di coppia
  5. Il lubrificante può entrare nella tua intimità se lo usi da sola con un sex toy

Questi sono in effetti i motivi per cui usarlo, e tutti rappresentano un valore aggiunto per il sesso.

Ci sono dei casi in cui l’uso del lubrificante è molto consigliato, come ad esempio se soffri di secchezza vaginale. In questo caso, per diversi motivi la lubrificazione naturale della zona vaginale non funziona come dovrebbe, e quindi i rapporti possono risultare irritanti se non addirittura dolorosi. Ecco perché in questo caso il lubrificante rappresenta un valido aiuto.

Ci sono poi casi in cui il lubrificante si dimostra necessario, come nel caso del sesso anale. È assolutamente sconsigliato provare la penetrazione anale senza lubrificazione. Allo stesso modo ti sconsigliamo di usare lubrificanti che non siano quelli di cui stiamo parlando in questa guida. Credendo che sia uguale infatti, a
volte si usano lubrificanti come la saliva, o peggio l’olio, che non solo non funzionano allo stesso modo, ma si asciugano presto oltre a comportare anche rischi per l’integrità del preservativo o di un giocattolo erotico.

A proposito di giocattolo erotico, ecco un altro buon motivo per usare il lubrificante.
Qui entriamo subito nello specifico della diversa composizione dei lubrificanti, che possono presentarsi sotto varie forme, e cioè come gel o come crema, e infine come olio.
Il funzionamento è sempre il medesimo, e cioè rendere la penetrazione e in generalo lo scivolamento, più fluido.

Per quanto riguarda i lubrificanti in gel, questi sono quasi sempre a base d’acqua. A differenza di quanto si potrebbe intuire dal nome, questi gel non andrebbero usati in due casi: se il rapporto dura molto a lungo e se vuoi provare qualche brivido sotto la doccia. La loro composizione li rende assorbibili in breve, e se da un lato questo ha il vantaggio di non macchiare o di non appiccicare, d’altro canto fa sì che si lavino facilmente. Inoltre la loro durata è limitata nel tempo, e se ci sono volte in cui hai proprio voglia di farlo, ci sono altre situazioni in cui vuoi prendertela al contrario molto, ma molto comoda.
In questo caso preferisci i lubrificanti a base siliconica, che oltre a durare molto più a lungo sono anche molto più lubrificanti (e infatti sono perfetti per il sesso anale).
Anche in questo caso non farti però ingannare dal nome: i lubrificanti in silicone non sono compatibili con i sex toys in silicone. La loro unione rischia di fare veri pasticci, squagliando il rivestimento del sex toy e quindi esponendoti anche al rischio di infezioni.

Quindi, volendo riassumere, i lubrificanti possono essere:

  1. In forma di crema: che possono avere anche capacità energizzanti in caso di disfunzione erettile;
  2. In forma di gel a base d’acqua: durano poco
  3. In forma di gel a base siliconica: durano molto ma sono sconsigliati con i sex toys in silicone;
  4. In forma di gel a base oleosa: sconsigliati con i preservativi.


A proposito di infezioni: potresti chiederti a questo punto…

Ci sono rischi o controindicazioni?

Uno studio molto serio in tal senso è stato condotto proprio dalla FDA (la Food and Drug Administration).
Si tratta dell’organo di competenza che deve valutare un prodotto prima che questo venga immesso sul mercato.

Come si sa, i lubrificanti intimi possono inibire la carica spermatica dell’uomo, e anche se non possono comunque in alcun modo sostituirsi ai contraccettivi, è vero che se si vuole rimanere incinte, un effetto collaterale dell’uso prolungato di questi prodotti non facilita la gravidanza.

Un altro possibile effetto indesiderato è quello associato alla flora batterica vaginale.
Come sai la vagina ha un ambiente fisiologico perfetto, in grado di restare in equilibrio grazie ai ‘batteri buoni’. Tuttavia, alcuni lubrificanti possono predisporre ad infezioni se usati di continuo, per un cosiddetto effetto paradosso.
Contengono infatti antibatterici, ma se si usano troppo e troppo a lungo, questo sconvolgimento batterico può aprire la strada ad infezioni a causa della perdita di quel famoso equilibrio.

Infine, possono manifestarsi allergie o intolleranze, ma queste sono state riscontrate in soggetti allergici ad alcuni componenti specifici del lubrificante.
Ecco perché è sempre bene consultare la scheda informativa del lubrificante e prestare attenzione a quello che risulta più compatibile.

Quindi, più che contro indicazioni o ancor peggio rischi, sarebbe più corretto dire che, come del resto ogni cosa, è bene usare i lubrificanti nel modo più corretto.
Ad esempio, un effetto davvero indesiderato è quello della trasmissione batterica, che però si verifica in genere se il lubrificante (in stick in particolare) non viene lavato adeguatamente, così come accade se non viene lavato bene il plug anale o il sex toy.

Altra accortezza a cui spesso non si pensa, ma che si rivela davvero importante, è la contaminazione crociata.
Se ti sei divertita con la penetrazione anale e ti sei aiutata con un lubrificante, lava bene tutto prima di passare alla penetrazione vaginale o all’uso (ad esempio) del vibratore in un’altra zona.
Praticheresti mai il sesso orale al tuo partner dopo la penetrazione anale se prima non si è ben lavato?
Certo che no! Il principio è lo stesso.

Un lubrificante per ogni gusto

Un lubrificante per ogni gusto
Per ogni gusto c’è un lubrificante, questo potrebbe essere il motto.
Non si tratta di un modo di dire, ma del fatto che i lubrificanti, pur avendo tutti lo stesso scopo, posseggono delle qualità intrinseche che li rendono adatti per certe cose piuttosto che altre.

Lubrificanti riscaldanti/rinfrescanti

Facciamo un esempio: ci sono lubrificanti che sviluppano vere e proprie sensazioni, o di calore o di freschezza.
Puoi provare questi se vuoi aggiungere dei brividi (nel vero senso della parola) al rapporto. Il loro funzionamento è molto semplice; nel caso dei lubrificanti cosiddetti ‘riscaldanti‘, la sensazione viene data da alcune sostanze (come la capsaicina che è il principio attivo del peperoncino). Queste sostanze causano una vasodilatazione, con maggior afflusso di sangue alla zona trattata, che si scalda. Questi lubrificanti sono consigliati anche nel caso in cui hai difficoltà a raggiungere l’orgasmo, perché la vasodilatazione della zona in cui spalmi il gel, ha come effetto collaterale molto piacevole quello di stimolare il clitoride che diventa più sensibile.
Se invece vuoi placare i tuoi ‘bollenti spiriti‘, prova un lubrificante rinfrescante, che contiene sostanze come la menta piperita.

Lubrificanti aromatizzati/commestibili

Che dire poi dei lubrificanti commestibili?
No, non devi mangiarli per sentire un effetto particolare! Sono i lubrificanti specifici per il sesso orale, aromatizzati e privi di qualunque sostanza che se ingerita possa far male.

Lubrificanti stimolanti e creme ritardanti

Potresti poi essere interessata ai lubrificanti ritardanti o a quelli stimolanti.
Certo, quelli riscaldanti hanno un effetto vasodilatatore, ma quelli stimolanti sono pensati proprio per aiutare le donne che impiegano molto tempo a raggiungere l’orgasmo.

Sapevi che su questo è stato anche fatto uno studio? Beh, in realtà ne sono stati condotti tanti, ma uno in particolare sembra aver dimostrato senza ombra di dubbio la validità dei lubrificanti stimolanti, e dei lubrificanti in generale.
Si tratta di uno studio che è stato condotto all’Università dell’Indiana, e precisamente nel ‘Center For Sexual Health Promotion‘.
Le donne che si sono sottoposte. immaginiamo molto volentieri, a questa ricerca, avevano un’età compresa tra i 18 e i 68 anni.

I dati dello studio non hanno lasciato davvero adito a dubbi. Le donne hanno provato il lubrificante sia all’interno della coppia, sia per la masturbazione.
Il 70% circa di loro ha confermato un miglioramento nel sesso con il partner, mentre il 60% ha apprezzato ancora di più l’auto erotismo. Si tratta di numeri talmente grandi che non si può certo trattare di un caso o di suggestione.

Come si mette il lubrificante?

Facilmente, ecco la risposta.
Si tratta in fondo di un gel o di una crema che va spalmata sulla zona da trattare che sia la mano nel caso della masturbazione, che sia il preservativo nel caso della penetrazione, che sia il sex toy nel caso di un gioco erotico o che sia il corpo in caso di massaggio preliminare.

Una volta che hai scelto il lubrificante che fa al caso tuo, tra tutti quelli disponibili, preleva semplicemente una noce di prodotto e mettila sulla mano. Poi, con le dita, spalmala sulla zona che vuoi lubrificare, prendendoti tutto il tempo necessario.
Non avere fretta, perché questa fase può essere essa stessa un momento di piacere.

Se lo usi per lubrificare la vagina, soffermati sul clitoride, e perché no, fallo stendere dal tuo partner, e chiedigli di giocare un po’ prima di penetrarti.
Allo stesso modo, se è lui che magari vuole provare uno stimolatore anale, stendilo tu sulla sua zona perianale, che è ricca di terminazioni nervose. In questo modo potrai dargli tu piacere. Se il sex toy è in silicone però, evita i lubrificanti in silicone.

Che ne diresti invece di un bel gioco erotico sotto la doccia?
L’uso di sex toys specifici da usare sott’acqua si sposa perfettamente con l’utilizzo di lubrificanti. Anche in questo caso c’è un lubrificante ideale, che è proprio quello a base siliconica. Come vedi ciascun lubrificate può andar male per certe esperienze, ma essere perfetto per altre.
Non eccedete però infine con il lubrificante sul preservativo, altrimenti lui rischierebbe di vederselo scivolare via sul più bello.

Qualche trucchetto per usare al meglio il lubrificante

Qualche trucchetto per usare al meglio il lubrificante
Vuoi adesso qualche consiglio su come divertirti con l’uso di un lubrificante?
Niente di estremo, non preoccuparti, si tratta solo di qualche piccolo stratagemma al quale forse non hai pensato.

Stimola i sensi

Sapevi che tra tutti i nostri sensi, l’olfatto è quello più antico e complesso? Del resto non ti è mai capitato di sentire un profumo e di essere subito trasportato indietro nel tempo?
Di contro, se per qualche motivo la vista viene impedita, gli altri sensi si amplificano. Hai capito dove vogliamo arrivare?
Prova un lubrificante al buio. Puoi agire in due modi: o spegni la luce, o ti lasci bendare dal tuo partner. In questo modo, se userai un lubrificante aromatizzato, sentirai davvero un’esplosione di odori, profumi e sensazioni indescrivibili.

Trova la tua posizione

Di certo hai una tua posizione preferita. Potrebbe essere la classica posizione del ‘missionario‘, per l’idea che ti dà l’essere in qualche modo dominata dal tuo partner.
Potrebbe essere invece quella all’amazzone, perché ti piace avere il controllo della situazione.
Potrebbe infine essere il sesso anale, perché hai sperimentato il piacere diverso che ti dà questa zona.
Qualunque sia la tua posizione preferita, assumi quella e lasciati andare.
Se ami una posizione in particolare, significa che in quel modo provi più piacere. Aggiungi il piacere che può darti l’uso di un lubrificante e potrai sentire davvero la differenza.